MOJITO: INGREDIENTI E PREPARAZIONE NELLE SUE DECLINAZIONI PIÙ FAMOSE

Da La Bodeguita del Medio a tutti i banconi del mondo, ecco l’evoluzione del mojito!

bicchiere di mojito con foglie di menta zucchero di canna e spicchi di lime

Da dove viene il nome Mojito

Non tutti sanno che il nome del Mojito deriva dalla sua tecnica di preparazione che è la contrazione del termine molecito, il diminutivo di maje, che in lingua spagnola significa “salsa”.

La salsa di cui si parla nel cocktail nativo cubano, non si riferisce alla famosa danza caraibica, ma alla vera e propria salsa che si ottiene pestando gli ingredienti nel mortaio.
Questo long drink, di tradizione puramente cubana, sembra risalire al XVI secolo. Lime, herba buena (la menta locale) e rum, sono gli stessi di oggi, mentre il ghiaccio rappresenta la prima variante di questo top drink intramontabile.

Il rum ideale è di tipo light, dal sapore leggermente acerbo e leggero, filtrato nello stile contemporaneo dei rum portoricani e cubani.

Molti lo riducono ad un semplice drink da aperitivo o come after dinner, ma il Mojito è molto di più: adatto per accompagnare anche la cena, si abbina perfettamente a pesci grigliati conditi con salsa di limone.

Ingredienti e preparazione del Mojito

La ricetta classica si esegue pestando nel bicchiere i germogli di menta con lo zucchero di canna e il lime. Si aggiunge uno spruzzo di soda e si riempie il bicchiere con il ghiaccio. Si versa il rum e si colma con la soda, poi si mescola e si serve con un rametto di menta e una fetta di lime. Un gesto affascinante che somiglia più ad un rito che alla preparazione di un cocktail ben definito.

Nel corso degli anni il Mojito non è mai cambiato, ma ha conosciuto svariate versioni, alcune fallite, altre invece perfettamente riuscite!

5 varianti del Mojito

1. Mexican Mojito: la tequila viene sostituita al rum e diventa la vera protagonista di questo cocktail.

2. Virgin Mojito: la versione analcolica di uno dei cocktail più famosi al mondo. Ottimo da bere, ma difficile da miscelare.

3. Dirty Mojito, in cui il classico rum bianco viene sostituito con un rum particolarmente speziato.

4. Mojito Royal, la soda viene accantonata per dare spazio allo Champagne, un ingrediente decisamente più prezioso.

5. Malibu Mojito, la dolcezza del cocco viene aggiunta al classico Mojito, per un drink più femminile e fresco.

Bicchiere con mortaio spicchi di lime e foglie di menta
bicchiere di mojito con foglie di menta zucchero di canna e spicchi di lime

Benvenuti

Devi essere maggiorenne per accedere al sito.
Hai 18 anni?